Le parole dell’intervento di Montezemolo

Montezemolo processa la politica“, “Montezemolo terremota la politica“, “Montezemolo attacca la politica“, “Montezemolo attacca sulla politica

In queste poche ore che separano l’intervento del Presidente di Confindustria all’Assemblea Annuale dell’associazione degli industriali italiani dai lanci delle testate giornalistiche, i titoli dei quotidiani online si sprecano (e si sovrappongono) e sono tutti concordi nel dire che quella di Montezemolo è stata una vera e propria dichiarazione di crisi della politica, non solo come amministrazione ma come capacità di progettare il futuro.
Il colpo non è da poco anche perchè l’Assemblea di Confindustria è vero e proprio bilancio dell’anno – lavorativo – trascorso prima dell’interruzione estiva.

C’è chi dice che è stato un vero programma politico che potrebbe ipotecare la discesa in campo di Montezemolo, c’è chi invece sostiene che è un attacco rispetto al quale la politica deve fare i conti ( e non solo quella di governo).
Io lascio ad ognuno di voi le riflessioni su questa cosa: quello che posso fare io da studioso di comunicazione è commentare l’uso delle parole usate da Montezemolo.

Beninteso: non è una analisi fatta con tutti i crismi metodologici con cui si dovrebbe fare, consideratela poco più che un gioco.

Per fare questo ho usato la piattaforma dell’IBM Many Eyes, con la quale ho analizzato le ricorrenze delle parole del discorso del Presidente di Confindustria.
Ovviamente non è il modo migliore per comprendere il senso di un discorso, le parole sono significative solo in un contesto ben preciso e non slegate le une dalle altre, ma qualcosa di interessante emerge comunque.
Ad ogni modo chi volesse farsi una propria idea di cosa abbia detto Montezemolo (ce n’è di tutti i gusti: innovazione, università, futuro, lavoro, ecc.), si può tranquillamente scaricare il discorso dallo stesso sito di Confindustria.

Ricordo che chi volesse fare le proprie analisi da solo, basta cliccare sull’imagine sopra per andare sulla pagina dove sono disponibili i dati per l’analisi.

Le parole singole più usate
Politica (38 volte), Abbiamo (33), Italia (30), imprese (25), dobbiamo (23),

Le parole doppie più usate
Abbiamo bisogno (5), classe dirigente (5), servizi pubblici (5), pressione fiscale (5), impegno straordinario (4), politica italiana (4).

I paesi della Comunità Europea citati
Germania (8), Francia (5), Regno Unito (4), Spagna (3)

Le parole “progettuali” più usate
Concorrenza (16), cittadini (12), crescita (13), futuro (11), cambiamento (10), merito (10), innovazione (8), mercato+mercati (9), meritocrazia (3), responsabilità (7), ricerca (5), università (4), education (2).

Le parole “politiche” più usate
Fiscale (11), destra (6), sinistra (6), federalismo (5), imposte (4), sindacato (4), tasse (4), pubblica amministrazione (3), finanziaria (3).

Ripeto, è poco più che un gioco.
Lo potete considerare come un modo rapido per capire i temi trattati.
O meglio una traduzione analitica del discorso di Montezemolo.
E ricordatevi che tradurre è un po’ tradire….

5 thoughts on “Le parole dell’intervento di Montezemolo

  1. Interessante l’approccio e anche il tool. D’accordo sui tuoi “caveat”. Comunque a mio avviso una certa idea l’analisi la può dare, purché poi uno si legga anche il testo, certamente.

    Riccardo

    PS ovviamente ho subito provato il tool…

  2. Riccardo, considera che per me è una specie di deviazione professionale quella di analizzare i dati (che abbiano un valore comunicativo o sociologico, beninteso) per comprendere se esistono strutture latenti o non-evidenti sulla superficie.
    Il tool secondo me è veramente interessante, tra l’altro l’analisi che hai visto in forma di tag è una versione semplificata di sw di analisi che fanno cose molto simili.
    Se ti interessano queste applicazioni qualche tempo fa ho scritto un post sul concetto di datasharing (lo trovi anche tra le categorie) e se vuoi saperne di più ho scritto un articolo per Internet Magazine che trovi nella sezione “Articoli & Saggi” del blog.

    Se li leggi aspetto le tue osservazioni.

    Ciao

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *